sanscrito.it

gennaio 22, 2012

Atmabodha, Shankaracharya, vv. 53-68

Filed under: filosofia,letteratura sanscrita — Tag:, , , , — Giulio Geymonat @ 11:59 am

Di seguito la traduzione, e la trascrizione in Harvard-Kyoto, degli ultimi 15 versi (trovate la traduzione e la trascrizione dei versi precedenti, nei post prima di questo) del trattatello sull’atman attribuito a Shankaracharya, intitolato Atmabodha o “Conoscenza del Sé”, che si cimenta nell’ardua impresa di parlare dell’indescrivibile per eccellenza, la diade non duale atman-brahman, cardine della scuola filosofica denominata Vedanta.

(more…)

dicembre 24, 2011

Atmabodha, Shankaracharya, vv. 42-52

Filed under: filosofia,letteratura sanscrita — Tag:, , , — Giulio Geymonat @ 12:32 am

L’impressione che ho leggendo i versi dal 42 al 52  dell’Atmabodha attribuito a Shankara, di cui provo a dare una traduzione in questo post, è che la situazione non quadri molto: in altre parole, il testo non mi convince del tutto e sospetto che si siano “inseriti” dei versi spuri e/o corrotti dei versi “buoni”.

Gli indizi (come negli altri casi che ho segnalato fra parentesi nella traduzione dei passi precedenti) sono una sintassi fumosa unita ad un contenuto con forti valenze dogmatiche, per giunta non del tutto attinente/congruente, a mio avviso, con quanto detto dal testo nel suo complesso. (more…)

dicembre 17, 2011

Atmabodha, Shankaracharya: vv 31-41

Filed under: filosofia,letteratura sanscrita — Tag:, , — Giulio Geymonat @ 10:51 am

Ecco un tentativo di traduzione dei versi 31-41 dell’Atmabodha o “Conoscenza del Sé” attribuito al filosofo Shankara (trovate la traduzione dei versi 1-30, insieme ad una breve presentazione dell’opera, nei precedenti due post).

Di ciascun verso tradotto è anche dato, tra parentesi immediatamente dopo la versione in italiano,  l’originale sanscrito, trascritto col metodo detto Harvard-Kyoto.

(more…)

dicembre 9, 2011

Atmabodha, Shankaracharya: vv 20-30

Filed under: filosofia,letteratura sanscrita — Tag:, , , , — Giulio Geymonat @ 11:39 am

Nel precedente post ho tradotto i primi 19 versi dell’Atmabodha, o “Conoscenza del Sé”, attribuito a Shankara, famoso pensatore della scuola Shuddhadvaitavedanta, o del “puro non-dualismo”.

Ecco come procede la sua serrata argomentazione che dovrebbe portarci ad aprire gli occhi sull’unica Realtà, l’Atman, il Sé, che è anche il Brahman, principio inconcepibile, di cui possiamo solo dire che è identico all’Atman. (more…)

dicembre 5, 2011

L’Atmabodha di Shankara: vv. 1-19

Filed under: filosofia,letteratura sanscrita — Tag:, , , — Giulio Geymonat @ 4:05 pm

L’Atmabodha, o “La comprensione del Sé” è un breve testo (una settantina di versi)  attribuito a Shankara (VIII d.C.?), il più famoso e importante esponente della scuola vedantica detta del puro-non-dualismo (shuddhadvaitavedanta, zuddhAdvaitavedAnta).

Il nucleo del messaggio di tale scuola è che non esiste altro, in realtà, dell’atman, o Sé, unico, indistruttibile ed eterno, essenziato di verità, coscienza e beatitudine. (more…)

novembre 17, 2011

Sogno o realtà?

Filed under: filosofia,India classica — Tag:, , , — Giulio Geymonat @ 1:36 pm

Non c’è dubbio che l’India antica prendesse molto sul serio l’attività onirica: spesso nei testi sanscriti si fa riferimento al mondo dei sogni, affidando ad esso un ruolo tutt’altro che marginale.

Al di là del sogno premonitore (che ha notoriamente una grande importanza nel mondo greco e romano, e di cui un famoso esempio in ambito indiano è il sogno di Maya, la madre del Buddha,  dove un elefante bianco, che simboleggia la potenza e la purezza del futuro Buddha, entra nel suo fianco destro, immagine spesso rappresentata nell’arte buddhista), il riferimento all’attività onirica ha una notevole importanza in ambito filosofico e viene spesso usato in letteratura (racconti, poesie, teatro). (more…)

novembre 13, 2011

La somma adorazione

Filed under: letteratura sanscrita — Tag:, — Giulio Geymonat @ 11:32 pm

Di seguito un tentativo di traduzione dell’inno (stotra) attribuito a Shankaracarya intitolato Parapuja, “Somma adorazione”.
La somma adorazione

(more…)

maggio 11, 2010

Sull’atman, considerazioni preliminari

Filed under: filosofia — Tag:, , , , , — Giulio Geymonat @ 9:50 am

La parola atman (la prima “a” è lunga) è, come altre parole importantissime (per esempio purusha o brahman), non del tutto chiara da un punto di vista etimologico: esiste una radice “at”, che vuol dire “muoversi”, ma non è molto utilizzata, per cui tradizionalmente si è optato per collegarlo alla radice “an” che vuol dire respirare (la stessa di prana).

Un significato originario della parola è quello di “se stesso” nel senso fisico e corporeo del termine, a cui si accosta da subito quello di principio vitale, quindi in relazione coi prana, i soffi vitali: dietro queste due accezioni troviamo appunto la radice di movimento (at) e di respirare, essere vivo (an). (more…)

Powered by WordPress