sanscrito.it

novembre 25, 2010

2 serate di “filosofia” su dualismo e materialismo

Filed under: Didattica — Tag:, — Giulio Geymonat @ 9:13 am

I martedì 30 Novembre e 14  Dicembre 2010, in via Ferrario 5, dalle 19,15 alle 21,15, parlerò (spero a qualcuno) di filosofia.

Scopo e metodo delle due serate sarà cercare di intavolare una discussione filosofica che “abbracci” contributi e prospettive sia della tradizione filosofica “nostra” (Europea e Occidentale in genere) che di quella indiana antica e classica. (more…)

novembre 20, 2010

Ajatashatru dice: l’atman è la realtà della realtà

Filed under: filosofia — Tag:, , , , — Giulio Geymonat @ 6:11 pm

Stimolato dal commento di un lettore di questo blog, Jarno, riprendo in mano la Brhadaranyakopanishad (bRhadAraNyakopaniSad), e come sempre l’emozione e l’interesse sono enormi.

E’ lì che troviamo le più antiche teorie dell’atman (Atman),  formulate in epoca pre-buddhista (e infatti quella del Buddha sarà la teoria dell’an-atman, il non-atman, l’assenza dell’atman), quindi in una fase del pensiero che possiamo definire arcaica, collocabile intorno al VII (o forse VIII) a.C. (more…)

novembre 17, 2010

Quanto dista la fine del samsara?

Filed under: filosofia,letteratura sanscrita — Tag:, , , , , — Giulio Geymonat @ 9:09 am

E’ noto che la teoria della trasmigrazione, o teoria del samsara (saMsAra) prevede infinite rinascite prima di poter raggiungere la fine del ciclo di nascita-e-morte.

Ma che cosa rende tanto difficile raggiungere la fine del saMsAra? Perché sono necessarie infinite esistenze? Bhartrhari, grande poeta e filosofo, sa di chi è la colpa! Ecco la sua risposta sotto forma di poesia (in Harvard-Kyoto) (more…)

novembre 9, 2010

I “varna interiori”

Filed under: filosofia — Tag:, , , — Giulio Geymonat @ 1:15 pm

Nel precedente post, “Il dharma del servo: chi lo vuole?”, ho provato a suggerire che quando pensiamo al concetto di varna (varNa), letteralmente “colore”, rifiutandone la connessione (“solo” storicamente determinata) con il sistema delle caste, jAti, letteralmente “nascite”, emerge un fondo di verità difficilmente negabile.

Che cioè nella società coesistano delle componenti funzionalmente molto diverse e in parte (anche sostanziale) in contrasto fra loro, coinvolte in un continuo gioco di forze e equilibri, sembra difficilmente negabile.

(more…)

Powered by WordPress